Apparse agli occhi miei parole tue
mascherate con risate, ma dure
a gelarmi l’anima.

Increduli nel sentire il tuo esitare
nel credere al mio parlare
vestito di sola lealtà.

Accusata di falsità
a discapito della promessa
di reciproca onestà.

Incolpata di separare
l’anima mia in due identità
per importi l’indesiderata presenza mia.

Dubitar di tante puoi
ma non di me
non di noi, mai.

Mai potrei tradire la sincerità
delle nostre anime che incontrandosi
un incastro amoroso hanno concretizzato.

Dagli spalti cori d’amore
incitavano il tuo cuore
a seguitare nel farmi innamorare.

Corridore l’anima tua a gareggiare
ha eliminato ostacoli d’ogni genere
vittoria la tua come trionfo mondiale.

I nostri sentimenti sul podio stavano
indossando con dignità
libertà d’essere, sincerità spudorata,
amore incondizionato… le nostre medaglie.

Ora costretti a vivere in panchina
scelta tua, non mia
io ora e sempre vera, tu chissà!

Credere di vedermi sotto mentite spoglie
pensiero tuo, lontano dalla mia essenza
e il tuo dubitare squarcio nel mio cuore
da sanare pronto però ancora ad amare.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 13-04-2021

Questo autore ha pubblicato 199 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.