Germogli tristi,
sorridono al sole
affiorano timidi,
tanta voglia di capire.
Il giorno dopo
la fine del mondo
speranze appaiono
incuranti del freddo.
La cappa di incertezze
pian piano si dissolve.
La voglia di vita
travolge il cemento
cresciuto dal nulla
arrivato in silenzio.
Il passato attacca,
un tarlo insistente
dubbi nella mente
 dimenticato in fretta.
Ogni paura,
schiacciata dalla luce
che preme con forza.
Un monito aleggia,
 scordare le ferite.
Corsi e ricorsi
nel tempo narrati,
pezzetti di saggezza
rimangono attaccati.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Michelina*   Sostenitrice del Club Poetico dal 10-03-2020

Questo autore ha pubblicato 180 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.