È una città fantasma
Dalle sue pietre
Puoi sentirne ancora
Le urla . . .
È una città dannata
I dei che la inventarono
L hanno abbandonata
Le chiese che un tempo
Regnavano sui popoli
Giacciono silenziose
Sopra le dimenticate notti
Degli amori perduti
Puoi sentirne ancora i pianti
Le preghiere respinte
Danzano furiose
Tra i sassi e le selvagge rose
Il sole qui non è più risorto
E la luna inizia a puzzare di morto

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: man son  

Questo autore ha pubblicato 32 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.