Erano vite in ombra
nascoste dietro il grigiore
della nebbia vespertina;

attendevano l’input
per l’ennesimo crimine

- sarebbero morte, senza l’ossigeno
  di invadenti metastasi
  che stringevano i denti, su zoppi
  enjambement -

Ed io, di qua, sulla riva dei giusti
d’istinto, distante
ad attendere eventi

Prima o poi
sarebbe passato Caronte…

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: sasha  

Questo autore ha pubblicato 209 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Henry Lee*
+2 # Henry Lee* 24-04-2020 10:47
Versi intensi, versi sentiti. Mi sono piaciute tantissimo le ultime due strofe, complimenti. HL.
Simone
+2 # Simone 25-04-2020 06:15
Mancavo da un po' ....
...bella mi piace molto la nebbia in poesia ..
perché cela o discioglie ...
Un saluto Sasha ...
sasha
+1 # sasha 26-04-2020 22:02
Grazie... ragazzi :)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.