E Santa Maria si riempì di nuovo di ombre.
Solo ombre col tintinnio
degli spiccioli nelle tasche
per un parcheggio finalmente a pagamento.

Che bello tornare a pagare.

Tre quarti di libertà erano tornati.
Il mistero rimaneva nei volti sotto le mascherine. Il mistero era l'inarcarsi delle bocche.

Li sentivo parlare.
Delle loro trasgressioni occasionali
alle quali avevano diligentemente adempito
nei loro scorci di solitudine.

Ridevano di quel poco che li divideva.
Un metro, due, tre.
Centimetri severi fra i vecchi sulle panchine,
più crudeli dei ricordi rispolverati.

Di improvviso uno sciambrottare antico:
di botteghe, odori strazianti di formaggi,
di sampietrini calpestati, marmitte.

Non un ragazzo con uno zaino in spalla,
non un cielo che parlasse di estate.
Eppure l'estate era ad un metro,

l'estate era ad un metro.
Per tutti.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Nicola Matteucci  

Questo autore ha pubblicato 374 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.