Cade,
in questa piccola fossa oscura
il mio cuore,
e come giovane arbusto
germoglierà in primavera.
Esili rami e minute foglie
tese verso il cielo come piccole mani,
bisbiglieranno al vento incomprese parole.
Sogna di fiori e frutti,
in una calda estate,
sogna di pioggia fitta, a dissetar la sete.


In questa piccola fossa
calda,
come il grembo di una madre,
trattiene il battito, e respira piano,
perché l’inverno non lo venga a cercare,
e aspetta,


che la tua mano,
lieve,
lo accompagni, in questa nuova vita,
eterno abbraccio
caldo, come un raggio di sole.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Marina Lolli  

Questo autore ha pubblicato 106 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.