Ah, quanto sarebbe bello potersi beare della propria vita

incuranti di demoni e streghe

che macellano le notti già cariche di spettri ancestrali

se universalmente si potesse gioire di poesia

come natura stessa dice

senza mostri per l’indomani

né rimorsi per ieri

né colpe per il presente

accarezzandosi semplicemente tra pochi

nutrendoci dei frutti naturalmente ebbri

che ci ha dato il creato.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fabio Piana  

Questo autore ha pubblicato 110 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

StrayCat
+2 # StrayCat 14-11-2017 11:47
Una poesia perfetta,
che cattura,
dalla prima all'ultima strofa.
Con metafore horror,
tramuti in mostri e spettri:
l'angoscia,
la solitudine,
il senso di inadeguatezza
e la malinconia;
che a mio parere sono i veri mostri
dei nostri tempi.
Complimenti vivissimi.
Una poesia davvero sentita.
A presto.
Grace D
+2 # Grace D 14-11-2017 18:13
Sarebbe bellissimo poter avere l'animo sereno ed essere felice nel poter fare tutto ciò che ci fa
star bene senza patemi d'animo e senza sofferenze che, spesso, nella vita ci tediano. Versi apprezzati,
un saluto!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.