Tra queste poche cose

ti lascio il suono dell’armonica

che ti fermavi ad ascoltare,

insieme alla prossima alba

tagliata sulla strombatura.

Mentre inizia un po’ a bruciare

la sostanza che mi entra dentro

dalla cannula, chiudo gli occhi oltre le sbarre.

La luce del primo mattino sul viso, e mi pare

di sentire il profumo del miglio soffiato

e di vedere muoversi la tua coda.

Adesso amico mio dovrai cercare

qualche altro per un morso di formaggio.

Mi son sempre chiesto perché fossi rimasto al di

qua delle fessura… per entrambi è ora di andare.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 524 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Manuele*
+1 # Manuele* 16-10-2020 20:06
Gli ultimi pensieri di un uomo qualsiasi durante la sua esecuzione... struggente poesia
barbara tascone
+1 # barbara tascone 17-10-2020 18:53
Scritta in maniera diretta e coinvolgente affronti un tema molto drammatico senza cadere nella retorica!Bravo
Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 20-10-2020 09:02
Struggente ed emozionante, complimenti.
MastroPoeta
+1 # MastroPoeta 28-10-2020 05:42
Grazie a tutti

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.