Quanta polvere di carbone
Sopra i miei resti di cartone
Riflessi di un cuore in subbuglio
Nel cielo trafitto
Da indicibili insicurezze
Quante magnificenze
Tra le nuvole indomite dell'anima
I miei occhi scorgono l'arcobaleno
Nel dio effimero del sentimento
Infettato dall'amore
Per l'impossibile luce
Di un ragguardevole sole
Così vola via il tempo
Motivo di delusione e fermento
Invadendo dalla testa ai piedi
Il mio spirito risorto
Nell'oblio del fuoco.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Francesco Gallina*   Sostenitore del Club Poetico dal 09-05-2024

Questo autore ha pubblicato 102 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.