Fiacco su stracco mi sporge la notte

una campagna assopita in argento lunare.

Rapace il pensiero ascolta gli odori

vola la mente in giovani cacce.

Fermo ricordo virgulti di luna

acerbi d’amore e non sanguinari.

L’ago sull’ora frantuma il ricordo

rassetto la sera e preparo il mattino.

Nel caldo tepore rinasce il pensiero

nostalgico al vetro sorseggio le stelle.

Tenero amore immenso e leggero

dove sei andato a cercare il futuro?

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Vitigno  

Questo autore ha pubblicato 1 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Sognatrice
+1 # Sognatrice 14-01-2021 08:47
Un bellissimo poetare. Complimenti
Vitigno
# Vitigno 22-01-2021 20:05
Grazie!
Non scrivo poesie di solito, ma questi versi di quale anno fa mi sembravano meritevoli ed ero curioso di pareri

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.