E mi ritrovo a parlare con gli alberi
che popolano il bosco, colmo di passaggi

Guardandoli rivedo la mia vita…si
anche loro in fase di pendenza

 Curvi e ricurvi su se stessi
che  sembrano, a volte, spinti verso l’alto

E s'aprono, e s’aprono al cielo
raccogliendo ogni bene che lui dona

E’ pioggia d’estate che non bagna
nel sudore trasudante delle crepe

Un’ago infilato pronto a ricucire
quell’ombrello ormai logoro.

Desiderio di pioggia d’estate
scrosciante e fulminea…profumata.

 

Profilo Autore: Ambra PILTI  

Questo autore ha pubblicato 194 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.