Questi biscotti mi hanno sempre incuriosito,
un po' ricurvi simili ad un dito,
è una specialità di Casale Monferrato,
che in Piemonte è un comune molto popolato.

La loro forma a manubrio secondo qualche fedele,
è un omaggio ai baffi di re Vittorio Emanuele,
il nome invece è da attribuire ad alcuni soldati,
che nei pressi di Alessandria si erano accampati.

Sono senza lievito e senza conservanti,
e garantiscono privi anche di coloranti,
se poi troppi ne hai mangiati,
tranquillo perchè son senza grassi idrogenati.

Ora però non perder la pazienza,
evita di andare ad aprire la tua credenza,
questo è solo un momento di cultura,
ai frollini è sempre da preferire la verdura.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Stornello Meneghino  

Questo autore ha pubblicato 216 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.