Due conchiglie gommose
mi trasportano
in una culla ondeggiante
tra le frasche arboree
dell'estate,
in un'atmosfera
di fate e dittatori...

Quei dittatori
che ti impongono
i ritmi di un tempo
e quelle fate
che incantano
con l'aere del passato,
lanciando quella polvere
che suona come un flauto...

Un flauto di quelli di pan,
con quelle mille canne
che fischiettano
e ti lasciano svarionato,
tra i profumi dell'oriente
che inibiscono la mente...

Un flauto di quelli traversi, 
che parla di un miraggio,
un miraggio
che mai ho potuto vedere,
ma che ora sento,
tra le voci di quei carismatici,
che mi impongono di ascoltarli,
sempre se mi va...

E' un totalitarismo
che mi comanda
e mi porta tra i boschi
di vent'anni fa,
dove i vecchi arbusti
venivano abbattuti
e gli anziani
piangevano i tempi
dei mandolini e dei liuti...

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Diego Crozzolin  

Questo autore ha pubblicato 72 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Franco
# Franco 19-07-2012 16:31
simpatica... Fr.
Enrico Barigazzi
+2 # Enrico Barigazzi 19-07-2012 17:51
Buona......pref erisco le fate ai dittatori :)
Diego Crozzolin
+1 # Diego Crozzolin 19-07-2012 18:58
be certo ahah...comunque vorrei precisare che è un testo molto legato alla musica che ascolto, che rientra nel genere della dance anni '90 prevalentemente . Difatti, le conchiglie gommose sono metafora delle cuffiette, che mi fanno viaggiare in questo mondo di "fate e dittatori".
scoria
-1 # scoria 19-07-2012 20:35
Mi è piaciuta solo l'ultima strofa Diego. E' là la tua poesia. Tutto il resto, secondo la mia "visione poetica" è pre-poesia, quella parte che di getto si scrive, che in realtà è pura descrizione che in sostanza non aggiunge o toglie niente, e che, sempre secondo me, dovrebbe essere omessa o quanto meno estremamente sintetizzata. Ovviamente mia opinione, ma è l'impressione che ho avuto dopo varie letture.
Cristina Biga*
+1 # Cristina Biga* 20-07-2012 06:35
Bella, surreale ma un fondo di realtà salta fuori .... ricorda una filastrocca un po melanconica di altri tempi cantate dai menestrelli .... complimenti dopo la maturità scolastica hai acquisito ancora più bravura nello scrivere poesie ... un caro saluto ...
Diego Crozzolin
# Diego Crozzolin 20-07-2012 17:04
grazie mille Cristina del complimento ;) comunque adesso che ho la mente più libera riesco a dedicarmi più apertamente alla poesia :) rispondo anche a scoria. Innanzitutto, il testo che presento è frutto di una revisione di un testo scritto precedentemente di getto, ovviamente. Per quanto riguarda la descrizione, è un costrutto volutamente metaforico, forse un po'complicato da comprendere ma io lo definisco tale. Inoltre, non condivido questo tuo apparente rifiuto verso una poesia scritta e pubblicata di getto, in quanto spesso può essere di qualità e di spessore anche uno scritto istintivo. A volte, credo possa anche essere più efficace, siccome ritrae le emozioni per quello che sono in quel preciso istante.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.