Ho intrecciato parole per versi
come fiori d'aprile
per i giorni andati, scomparsi
d' esistenza di giochi e cortile...

Ora il tempo allunga le ombre
e la sera diventa regina
come quando  arriva settembre 
e l'estate non è come prima.

Io son vecchio e il mio treno è passato
le fermate le ha già fatte tutte
ma ogni volta il biglietto ha pagato
la mia vita, per vittorie o sconfitte.

Oggi libero i sogni rimasti in galera
e li spingo a volare lontano
rondini d' entrata primavera
che ti tengon la mano.

Ora abbracciami fino a farmi male 
e intrecciali tu questi stupidi versi,
 accarezzo il tuo viso d'aprile
mentre penso ai miei giochi 
e al cortile,
ormai persi...



 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: bruno leopardi  

Questo autore ha pubblicato 72 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

catilo
# catilo 03-02-2014 05:51
Alta poesia. Grazie delle emozioni che mi regali. 5* :D
nabrunindu
# nabrunindu 03-02-2014 11:45
5 stelle per il danzare dei tuoi versi, con le rime poi acquistano ritmo, il contenuto è stupendo. bravo

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.