Core mio, si sulo te putesse piglià 'mbraccia,
t'asciuttasse tutte 'e llacreme d''a faccia.
Staje annascuso, 'nun te veco quanno chiagne,
pecchè suoffre 'nsilenzio e 'nun te lagne.

Si te faje cunnulià comme a 'na criaturella,
fra 'e ninne nanne te canto 'a ninna chiù bella.
Tiene pudore quanno pruove n'emozione,
picciò 'nun ghiesce 'a pietto bello e bbuono.

Che pozzo fa pe te, appassiunato core mjo.
Vuò ca 'nvoco Gesù Cristo o parlo a Ddio?
Dimmello chello c'aggia fa e j' pe tte 'o ffaccio,
ma permietteme però 'e te piglià 'mbraccia.

Accussì te porto tuorno tuorno 'mprucessione,
speranno 'e truvà ammore e cumpassione.
'Nun me criticà si te vaco prianno a tutte ll'ore.
J' sulamente chesto saccio fà: parlo c'ô core!

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 154 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.