Valzer di zapping alla tv,
Prozac nella testa,
connessione neuronali difettose,
molecole distorte negli occhi,
trito di pensieri nelle cartine di convenevoli sorrisi.
Defibrillo l'anima comatosa,
prendo il cappotto di espressioni confuse per affrontare l'oscurità del cortile ma resto lì.
Una voglia di urlare mi assale ad ogni battito di ciglia,
io capo chino, la tv che spara flash di continuo,
secondi che diventano minuti,
ore che diventano spazi immensi,
intanto tremore, come epilessia,
poi strettoie, cunicoli, labirinti, ali di cera, voli pindarici.
Rapporti sociali confusi,
scimmie glabre in cerca di attenzioni nei lucenti specchi dell'amoralità.
Legami di plastica , fatti di usi e riusi, piramidi lego di menzogne.
Spasmi di infelicità avvolgono la mente.
Tutto finirà mi dico,
intanto la tv trasmette ancora
e fluisce dentro me le sue onde elettromagnetiche al vetriolo...
Mi accomodo in poltrona,
un altro show sta per iniziare,
Sorrido,
poi crollo.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fabrizio  

Questo autore ha pubblicato 39 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Simone*
+1 # Simone* 21-06-2020 03:12
Secondi che diventano minuti ...
non è solo una percezione
questa poesia che scioglie molte riserve .
Ti auguro di trovarti bene qui
Benvenuto nel club Fabrizio
poesie profonde
+1 # poesie profonde 21-06-2020 07:46
Si cerca di reagire sperare che tutto passi ridendo ma poi, si perde la speranza. Benvenuto anche da parte mia
Aurelio Zucchi*
+1 # Aurelio Zucchi* 21-06-2020 11:23
È una lucida narrazione poetica dell'inquietudi ne che ci avvolge in una spirale di dubbi. Malesseri dettati da uno stato d'animo irrequieto e dalla realtà ripetitiva che avvolge senza tregua. Reagire sarebbe una difesa salvifica ma non è facile anche se possibile. Qualche verso di speranza nell'epilogo me lo sarei aspettato.
Benvenuto!
Fabrizio
+1 # Fabrizio 21-06-2020 15:36
Ringrazio te e gli altri per le parole spese. Per quanto riguarda i versi di speranza, beh, diciamo che non sono un amante del lieto fine in quanto scontato e purtroppo tante volte lontano dalla realtà che viviamo. Preferisco lasciare l'amaro in bocca in modo da prolungare (si spera) la riflessione.
Michelina
+1 # Michelina 21-06-2020 17:21
Una condizione che prima o dopo alcuni di noi hanno provato, fortunatamente avvolte il sonno aiuta, ben venuto, un saluto.
Fabrizio
+1 # Fabrizio 23-06-2020 01:51
Grazie Michelina, sì il sonno aiuta sicuramente, tanto è vero che scrivo principalmente prima di addormentarmi. Non so se capita anche a voi ma è come se si risvegliasse la coscienza nel buio della camera.
Silvana Montarello
+1 # Silvana Montarello 03-07-2020 18:58
Attimi minuti ore a volte prima che il sonno arrivi, percezioni molto profondi e belli, grazie e benvenuto nel Club.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.