Sarà questo sentirci affini 
o il sospirar vicini
oppure il tocco d'un alito 
sentito a pelle,

sarà l'incontro volontario
delle dita
che per intuito s'intreccian
quale nodo
o quel refolo 
che sbuffa malandrino
fra i capelli,

o meglio ancor la luna
che imbastisce sogni e ricama luce

Saran le labbra che si senton sole,
non so cos'è ne lo sapremo mai, 
ma anore mio,

questa notte restiamo avvinti al sogno
tu ed io.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: elena rapisarda  

Questo autore ha pubblicato 17 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.