Guardo le stelle scherzare fra di loro
e il cielo ironico ridere di me,
mentre io col naso all'insù cerco di capire
dove e quando ho smarrito l'ingenuità
della bambina che giocava con le favole
ora che il cielo resta muto a guardare
e i giorni si rincorrono tutti uguali
senza speranza e senza amore
dove la morale della favola
è affogata in fondo ad un acquario
che io credevo fosse il mare
insieme ad un rosario 
con cui ho smesso di pregare
per un Dio che non c'è.
Asciugo gli occhi mentre guardo
il mio cuore smettere di urlare
non c'è più nessuno a dirmi
cosa resta da capire
quando i sogni iniziano a morire.
La tristezza toglie il respiro
alle parole senza pensiero
e inizio nel vuoto a cercare il vero
volando senza ali
precipitando
senza più versi da ricordare.
Lo so, gli altri non smettono di credere
e allora perchè io ho smesso di sperare ?



 

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Rosaria Chiariello  

Questo autore ha pubblicato 442 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

fabio locurcio
+2 # fabio locurcio 22-03-2012 10:02
certi eventi esistenziali ti cambiano in maniera irreversibile, so che non se ne esce, tuttavia la vita continua e qualcosa di buono lo può sempre riservare.
Tiziana Rosella
+2 # Tiziana Rosella 22-03-2012 12:50
ci può essere una luce nuova all'orizzonte molto bella.
Rosaria Chiariello
+1 # Rosaria Chiariello 22-03-2012 13:58
Lo so la poesia è molto triste ma deve proprio essere straziante se pensate che abbia bisogno di conforto ! Ah ah ah ! Si sa il poeta gioca con gli stati d'animo e si diverte ad esasperarli ! Grazie comunque dei commenti ! Sappiate che sto bene ! Ih ih ih ! ^_ *
Francesco Losito
+2 # Francesco Losito 22-03-2012 19:17
Sono reduce dalla lettura della poesia di Nadezhda e stavo già puntandomi la P38 alla tempia quando mi sono reso conto che questa tua, al di là dell'argomento, presenta una pregevolezza esemplare in termini di musicalità e scorrevolezza (vedi i numerosi verbi usati nel modo infinito); azzeccato l'amarcord esistenziale del periodo della fanciullezza contrapposto a quello adulto cui fanno da spettatrici stelle ironiche; ottime le immagini dall'universale al particolare (mare- acquario)....In somma davvero una gran bella lirica. ...............................................................................
Ho riposto il revolver nel cassetto, quindi, ma mi sono punito con una bastonata (leggera) in testa che mi ha dato però modo di vedere cinque belle stelle che ora sono qui ad offrirti.
Rosaria Chiariello
+1 # Rosaria Chiariello 22-03-2012 19:23
Ecco perchè mi hai dato 5 stelle eri stordito ! Mitico Francesco il tuo humor è micidiale ! Ah ah ah ! :lol:
Debora Casafina
+1 # Debora Casafina 22-03-2012 20:07
Molto bella ed intensa, ed è sinonimo di grande maestria esplorare così intensamente emozioni con tante facce come quelle qui narrate con estrema piacevolezza

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.