Me ne starei per un’eternità
accovacciato tra le dolci pieghe
di questa sabbia ancora tiepida,
con gli occhi consegnati a donna luna.
Si sente odor di sale che mi avvolge
e mare ascolto, mai così vicino.

Mi chiedo se, almen per l’occasione,
là, dietro le quinte, l’alba impaziente,
voglia tardar non poco la sua uscita
per guadagnare il suo cambio scena
giacché gustar la notte io vorrei,
tutta e di più!

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 332 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.