Al primo cenno d’alba volli il mare.
Lo vidi, come me, in dormiveglia
con onde basse a far da mite coltre.
E lungo la battigia passeggiava
la brezza dai respiri così calmi
da non solleticar le sabbie stufe
di quella notte assai lunga e fredda.

M’avvicinai al nero scoglio mio
e poi da lì guardai l’orizzonte.
Il solito saluto al nuovo cielo,
i neri occhi di Peppe il pescatore
e quindi lesti in barca a ordinare
le lenze e l’esche per allietare i cuori.

Poi nulla più, soltanto vibrazioni
secrete da possenti emozioni.
Sul tavolo in cucina, caffè nero
versato nell’amaro denso cruccio
per un sogno impiccato al patibolo del tempo.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 372 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Turchese
+1 # Turchese 21-11-2020 18:00
Una poesia molto bella, densa di immagini suggestive a raccontare quasi una storia tratteggiata con maestria.
poesie profonde*
+1 # poesie profonde* 21-11-2020 18:19
Mi unisco al commento che mi ha preceduto, piaciuta molto, anche a me
Giò*
+1 # Giò* 21-11-2020 18:20
Un ricordo lontano: all'alba si va a pescare!
Ricordi che tornano ad inumidire la malinconia degli anni che sono andati. Amo l'ultimo verso, davvero tanto poetico. Immagini dense di dolce melanconia.
Ciao...^.^

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.