Ricordo vago di una sera magentata
Di quel ricco rosso sporco e violento
In primavera che tocca l'azzurro in pre- serata
Impresso ancora sugli aprilini steli

Io che distendo il fiato e la mano
Cercando le stelle assonnato
E un senso di strano s'incendia in mente

Io che mi cullo in logori cenci
Lunghi e unghie e crespi capelli
Senza sensi, pesi, pensieri... Che belli
I sirenosi uccelli
Che incespicano stanchi i loro versi

Brusio in sottofondo...
Sugli stessi stanchi steli
Un piccolo mondo di fragili piloti
Si destano in spessi voli
In armate di pacifici aerei nei cieli
Alla conquista dei fiori
E io come loro rinasco
Con Aprile e i suoi colori
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ealain  

Questo autore ha pubblicato 41 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.