A me non basta più immaginare.
Mi si deve, come premio fedeltà,
ritagliare uno scampolo di cielo
per poi farne esclusivo fazzoletto.

Ai primi indizi di malinconia,
lo accosterò ai miei occhi scuri
e di ricordi, soltanto di ricordi,
intaccherò l’azzurro persistente.

Lo laverò nell'acqua immacolata,
lo stenderò sul filo dei rimpianti,
lo asciugherò al caldo del suo sole.

Lo stirerò nel verso dell’aurora,
lo piegherò in due mosse appena
così che all'occorrenza io l’abbia pronto.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 309 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.