Confeziono vuoto d’assonanze,

allineo l’inchiostro dei tuoi battiti,

le periferie del tuo cuore

lacrimano dinanzi ad un tramonto

e sono con te, coi miei spiccioli d’eco,

a baciare i confini della tua anima

feriti come spogli viali d’inverno.

Se l’infinito sapesse di noi

abiterebbe i nostri occhi

scordando l’indice del nostro dolore,

poserebbe alfabeti di farfalle

sul nostro petto smarrito

e scriverebbe ad ogni petalo d’universo:

s’amano davvero

come il mare il suo tramonto.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: rosa dei venti  

Questo autore ha pubblicato 731 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

poesie profonde*
+1 # poesie profonde* 12-06-2020 14:27
L'infinito non sa ma il presente si e ciò può bastare per vedere l'anima quanto è bella che merita di essere amata come desidera. Intensa e profonda anche questa. Buon pomeriggio, rosa dei venti
rosa dei venti
# rosa dei venti 16-07-2020 11:09
Bellissimo il tuo commento, poesie profonde, grazie mille per la lettura, un abbraccio :-)
Enrico Barigazzi
+1 # Enrico Barigazzi 13-06-2020 17:52
Interessante questa poesia ricca di belle metafore.
rosa dei venti
# rosa dei venti 16-07-2020 11:09
Grazie tante Enrico, gentilissimo! :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.