Tra un equinozio e un solstizio

osserviamo la notte polare

che danza intorno

al centro

in una

sequenza 

eterna ed infinita.

Mentre lo squilibrio

del nostro volo,

a poche ore 

dal varo,

si è già 

fatto

cosa

troppo

evidente.

Un’occasione 

indissociabile dal tempo.

Bisognerebbe disfarsi

dell’umore rosso,

della bile nera,

abbandonarsi

al destino

come scelta,

alla transitorietà.

Planeremmo pulsando

(nuvolosità permettendo)

sulla soglia dell’eternità.


1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Charlie  

Questo autore ha pubblicato 640 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Sabina
+1 # Sabina 01-08-2020 14:59
"Bisognerebbe disfarsi dell'umore rosso, della bile nera"

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.