Potrò mai dimenticare
il volto, il tocco, il sorriso e le parole
di chi è mancato al mio amore?
Potrò mai dimenticare chi nella mia vita ha fatto la sua parte
nell'immenso palcoscenico quotidiano
come piccola comparsa o coprotagonista
e ora è per sempre occultato alla mia vista?
Sarà una questione puramente corporale
questa cosa della morte
o esiste un'anima immortale?
Ognuno a questo una risposta cerca
porgendo fiori al defunto amato
nella grigia pietra ben celato
per non vedere di un corpo cosa resta
dopo la fine dell'ultima festa.
Ha senso la vita se quando sarà finita
non resterà più niente di noi
come sabbia tra le dita
che scivola via lasciando a mani vuote
e di una triste marcia funebre aleggeranno le note?
Nel ricordo dei vivi per un po' si resta
piccola consolazione, ma cosa pretendiamo?
Da milioni di anni per ogni creatura viva
il solito ciclo si ripete
e la morte è di tutti l'immancabile sorte.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: poetessalibera  

Questo autore ha pubblicato 4 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Aurelio Zucchi*
# Aurelio Zucchi* 11-01-2021 16:16
Il tema affrontato, il più ostico dei temi, appartiene alla sfera di intimità di chi scrive e naturalmente ogni commento rischia di inficiarne il genuino significato. Si può però dire che i riferimenti più comuni sono quelli universalmente riconosciuti, a volte accettati, a volte respinti, a volte evitati per non rimanerne turbati. Qualche piccola speranza può darcela il fondamentale appiglio dei ricordi con i quali cerchiamo di riallineare il tempo. Pensare al dopo e cercare di farsene una ragione, è ingannevole e ci impedisce di vivere decentemente il presente.
Apprezzato il coraggio e la determinazione che guidano questa stesura.
poetessalibera
# poetessalibera 11-01-2021 16:21
Grazie Aurelio :-)
In ogni caso i commenti mi fanno sempre molto piacere, non c'è problema, dite pure ;-)
Giò
# Giò 12-01-2021 19:50
Per quanto si sia persona diversa l'una dall'altra,
innanzi a certi eventi siamo tutti uguali.
Ci poniamo domande a cui non potremo, e spesso non vogliamo, dare risposta. Spesso ci facciamo carico di un senso di colpa che non c'è. La morte non aspetta mai oltre, bisogna vivere il presente, costruire ricordi belli per il cuore e per il tempo che sarà. Tutto il resto è solo dolore sopra il dolore... Ciao...^.^

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.