Distante
da ogni presenza umana,
solo a qualche passo,
debole, 
che non azzarda a muoversi...

Osservo questo giardino
con gli occhi del forestiero,
che zampillano
come l'acqua
di quella fonte laggiù...

Immobili i rami,
e quel gorgoglio infinito
è un docile sottofondo,
che li fa parlare
tra i lievi colpetti del vento...

Sussurrano le auto,
laggiù,
tra le crepe dell'asfalto,
le sento a malapena:
gli usignoli soavi
mi cantano il buongiorno,
tra tanti taciti tronchi
è l'eco di ritorno,
nascosto da quello spiraglio,
che acceca le nuvole
di una mattina in risveglio...

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Diego Crozzolin  

Questo autore ha pubblicato 72 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Paola Pittalis
+1 # Paola Pittalis 24-07-2012 15:06
piaciuta
Francesco Losito
+1 # Francesco Losito 24-07-2012 15:39
"Giungla di città fatta di cemento sotto questo cuore spento.... notte da combattimento dove senza ossigeno si sta.." (dal film Bingo Bongo di Celentano). Mi sembra la citazione migliore per commentare questa tua bella poesia in bilico tra natura ed umano artificio alienante. Poeticamente efficacissimo "il sussurrare delle auto tra le crepe dell'asfalto... "immagine d'un lirismo sonoro delicato ma stridente di qualità altissima. Davvero non trovo termini adeguati per elogiarti per questa chicca.
scoria
+1 # scoria 24-07-2012 15:49
Piaciuta ma non so se esaltarti o preoccuparmi!!
indubbiamente è una bella poesia, matura, pacata, meditata e riflessiva, con un non so ché di "rassegnato".
Non so se preoccuparmi perché dalla foto sembri giovanissimo e questa per la serenità che trasmette sembra una poesia scritta da un 70enne che ha avuto tutto dalla vita e non ha nient'altro da chiedere :-) !!!
Diego Crozzolin
# Diego Crozzolin 24-07-2012 15:54
Francesco, con un commento del genere mi emozioni :) Grazie mille. Comunque è stata un'esperienza bellissima questa poesia: mi sono seduto su una panchina, in un giardino e ho iniziato a guardarmi dentro per cercare di far emergere le sensazioni provocate da quell'ambiente. Sembrava come un'adesione panica con la Natura.
Diego Crozzolin
# Diego Crozzolin 24-07-2012 15:58
Innanzitutto grazie mille pure a te Scoria e ti ringrazio anche per avermi strappato un sorriso col tuo commento simpatico :) comunque no io ancora ho molto da chiedere dalla vita e questa non voleva essere una poesia di rassegnazione. E' stata proprio un'immersione nello spazio, con tutta la mia anima. Per quanto riguarda l'età, hai visto come porto bene i miei 70 anni?ahah
Enrico Barigazzi
+1 # Enrico Barigazzi 24-07-2012 17:18
Stai migliorando.... bravo......mi è piaciuto molto il senso di crepuscolo che questa poesia trasmette...... bella.....
Franco
+1 # Franco 24-07-2012 20:03
Molto bella..... Fr.
zeta
+1 # zeta 25-07-2012 03:43
le ultime quattro righe sono stupende. auguri per il lavoro che troverai e farai, spero che ti piaccia tantissimo. ciao :)
Diego Crozzolin
+1 # Diego Crozzolin 25-07-2012 14:15
grazie mille Zeta per questo augurio :) apprezzo sempre l'enorme gentilezza e accoglienza di tutti i membri di questo sito ;)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.