A me piacciono quelle serate strane,
 in quei locali soli,  quasi invisibili,
 dalle facciate malinconiche e gli anfratti bui
in cui i poeti, come dolci angeli stanchi
 si ritrovano a parlar del loro cruccio…
…del non trovar bellezza!
E  stanno lì, seduti,
 con gli occhi belli, lucidi, ma bassi,
vicino a calici  profondi,
 rossi, del profumato vino.
  Van cercando smemoratezza  e beatitudine
 sui  tavoli, sommersi dal gran pianto
per l’ennesima  illusione... andata!
E’ un dolce bestemmiare quel che si sente,
e una struggente, insistente musica lontana:
     chiamano sciocco l’amore che è voluto andare via!
E' dissacratorio il lor parlare
ma invocano grazia senza fine.
Meglio sentire
il sapor del sangue che è nel vino!
Meglio, stordire il genio!
Meglio certo!
Meglio  far scorrere  la fine,
 senza  sentir dolore.

    A me...piacciono queste serate strane,
       in quei locali, dove son calde le pareti
 e il soffitto é una poesia
scritta con inchiostro d’oro.
  Serate,
     in cui puoi sentirti ancora innamorato…
…perché ….guai a lasciar  sfornito il poeta
del nobil  sentimento …il primo!
 Sarebbe come cingere il suo capo
   d'intrecciati rami e dolorose spine!




1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Hera  

Questo autore ha pubblicato 413 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Vera Lezzi
+4 # Vera Lezzi 08-06-2016 06:04
Ciò che ho appena scritto oggi, quanto è in sintonia, Hera carissima, con lo stato d'animo di questa tua poesia!...
Poiché, se la poesia leva non fa sul sentimento schietto, ma sull'artificio, e artificio malevolo, che poesia mai sarà, per sé stessi e per chi legga, se non NULLITA'?...
NULLITA'!
Hera
+3 # Hera 08-06-2016 16:13
grazie infinite cara Vera.....un bacio
Giancarlo Gravili*
+4 # Giancarlo Gravili* 08-06-2016 06:19
Serate in cui l'io interiore si riappropria della sua debole essenza, debole ma granitica al tempo stesso. Fissa immobile in quel passionale moto che da millenni guida l'uomo verso lidi sconosciuti, lo fa sentire vivo anche quando l'alito vitale par defunto, versi che ho apprezzato molto.
Hera
+3 # Hera 08-06-2016 16:13
caro Giancarlo, hai detto bene, debolezza granitica...... ...........te ne sono grata
Gigggi
+4 # Gigggi 08-06-2016 07:51
E' la tua notte...COMPLIM ENTI!!!
Hera
+3 # Hera 08-06-2016 16:11
grazie gigggi......... ......un caro saluto
Rocco Michele LETTINI
+4 # Rocco Michele LETTINI 08-06-2016 09:05
Hai espresso il senso delle nostri notti in soli due versi... l'eccezionale distico di chiusa come chiarificatore del sublime costrutto.
Lieta giornata.
*****
Hera
+3 # Hera 08-06-2016 16:11
meraviglioso sei tu............. ....grazie
Sara Cristofori
+4 # Sara Cristofori 08-06-2016 09:40
quasi un fotogramma di un film nouvelle vague, molto bella :)
Hera
+3 # Hera 08-06-2016 16:10
grazie in finite sara.un caro saluto
Sir Morris*
+3 # Sir Morris* 08-06-2016 11:06
Una poesia Noire, amica Hera! Atmosfere particolari inebriano la scrittura! Brava! :-)
Hera
+3 # Hera 08-06-2016 16:10
grazie Morris.....comm ento graditissimo
nicoletta
+4 # nicoletta 08-06-2016 11:11
Essenza di intimo e profondo sentire dove amore, beata solitudine e sofferta passione si fondono nel cuore di una bellissima poesia... Un bacio
Hera
+3 # Hera 08-06-2016 16:09
grazie Nicoletta, sempre gentilissima
emanuele
+4 # emanuele 08-06-2016 11:40
anche a me piacciono molto queste serate strane,come è piaciuta molto questa poesia....che cela un po di solitudine e malinconia a volte necessarie per andare avanti,riscopri rsi e non perdere la voglia di innamorarsi e fare poesia,molto bella davvero!
Hera
+3 # Hera 08-06-2016 16:07
il tuo commento h centrato pienamente sul senso della poesia e del mio stato d'animo. L'ho gradito particolamente. grazie emanuele!
jostance
+4 # jostance 08-06-2016 19:20
Brava! ;-)
Silvana Montarello*
+2 # Silvana Montarello* 09-06-2016 12:50
Serate strane che non si capisce bene il perché nascono poesie cosi belle e meravigliose, ciao Hera.
Simone
+3 # Simone 09-06-2016 22:10
bellissima poesia hera ..complimenti
rosa dei venti
+3 # rosa dei venti 10-06-2016 16:28
Uno scritto incantevole che emoziona il lettore nel profondo, leggendo questo tuo capolavoro mi ci son rispecchiata tantissimo, hai magistralmente descritto l'intima essenza dell'animo di un poeta, hai scoperchiato lo scrigno dei suoi infiniti sentimenti, bravissima!!!!
Cosetta Taverniti
+2 # Cosetta Taverniti 10-06-2016 22:33
Complimenti Hera bellissima poesia!!!
mybackpages
+1 # mybackpages 27-08-2016 12:17
Sedetti fuor dell'osteria/ al limite della foresta/ Aspettai invano. Ore e ore./ Nessun predace in cresta/ apparve della Malinconia./
Aspettai ancora. Altre ore./ Pensai in straziata allegria,/ al colpo fulminante/ del franco cacciatore. (Antefatto, di Giorgio Caproni).
Ibla*
+1 # Ibla* 03-06-2019 23:25
Questa poesia, stasera, era tra quelle da non dimenticare...
Vedi: il momento giusto per ricordarti di quale pasta sei fatta.
"A me piacciono quelle serate strane,
in quei locali soli, quasi invisibili,
dalle facciate malinconiche e gli anfratti bui
in cui i poeti, come dolci angeli stanchi
si ritrovano a parlar del loro cruccio..."
Davide Bergamin
# Davide Bergamin 04-06-2019 11:24
Veramente questa è poesia di livello superiore.... Grazie anche a Ibla per averla commentata... Hera qui al top! Sempre bravissima!!!!!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.