Ridi pagliaccio
io resterò nel tuo cuore infranto 
forse per mesi per giorni per ore
e sui suoi cocci 
foto di me e del mio sapore 
ridi pagliaccio 
non ti penserò più 
se non nel tuo sonno 
ci rivedremo
al massimo in sogno 
ridi pagliaccio 
ti ho dato il mio mondo 
ora accontentati del resto
non dei miei occhi 
non del mio seno 
non del mio senno diverso 
te ne sei accorto un po' tardi:
la tua cecità,
i tuoi nervi stanchi
la vita e gli stenti
ma ora, forse, è un po' tardi 
quindi ridi pagliaccio
ci rivedremo stanotte 
nel tuo sogno più bello 
tu abbracciami e chiedimi 
dei nostri baci nel tempo
quelli,
fatti di panna e di vento
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Kahl  

Questo autore ha pubblicato 11 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Clemente Valentino
+1 # Clemente Valentino 13-09-2016 02:07
Parole che sprigionano tanta energia, davvero bella!! Grazie.
rosa dei venti
+1 # rosa dei venti 15-09-2016 18:45
Ha il sapore di uno sfogo personale questa bella poesia, piaciutissima in ogni caso :-) complimenti!
Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 16-09-2016 14:51
Triste e malinconica, bravo, ciao.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.