Da lontano si ode un passo svelto,
già dal letto mi son divelto,

"Buongiorno, Lei è Tizio, Caio , Sempronio",
ebbene si siamo proprio in un nosocomio.

" Si spogli pure senza fretta",
mentre guarda sull'orologio l'inceder della lancetta.

" Segua me in questo percorso",
penso che sia meglio ricevere un morso.

Mi preleva un'infermiera tutta sola,
mentre sento il cuore in gola.

Labirinti intrecciati controvento,
ed io già ho perso l'orientamento.

Porte a destra e a manca,
la mia anima avanza stanca.

Ecco giunti ad una porta color canarino,
per aprirla serve passare un cartellino.

Si apre d'improvviso un girone dantesco,
chissà se da qui vivo ne esco.

In questo nuovo ed ovattato ambiente,
per lo più supina si presenta la gente.

Mi sa che quindi ci si deve adeguare,
ed infatti le ciabatte mi invitano a levare.

"Si sdrai su questo lettino"
mi faccio ancor più piccolino.

Comincia un altro cammino,
questa volta da supino.

Le plafoniere su di me scorron veloci,
intanto degli anestesisti sento già le voci.

Odo: " Ora le farò un'iniezione intravena",
ed io: " Non parli così con me , non ne vale la pena".

Nel frattempo la stanza cambia colore,
e di coperte calde sento l'odore.

Un altro piccolo tratto e sono a destinazione,
mi aspetta il chirurgo e la sua professione.

Poi il narrar diventa un'evitabile tortura,
tutto terminerà con dei punti di sutura.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Stornello Meneghino  

Questo autore ha pubblicato 213 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Alberto Berrone
+1 # Alberto Berrone 12-03-2021 20:53
Bella la tua poesia. L'ultimo distico lo trovo abbastanza veritiero. Comunque condivido la poesia nel suo insieme. Ti do 5* per la simpatia della tua opera.
Ciao :-)
Stornello Meneghino
# Stornello Meneghino 12-03-2021 21:45
Grazie dell'apprezzame nto.
L'importante quando si entra in una sala operatoria,
e' uscirne in modo tale da poterne aver memoria.
Libero
+1 # Libero 13-03-2021 14:26
Non so se tu abbia subito un intervento ( mi auguro di no),
ma credo che sarebbe utile sostituire l'anestesia con i tuoi esilaranti versi. Divertito!
L.
Stornello Meneghino
# Stornello Meneghino 13-03-2021 19:30
Ebbene sì,
Sono stato protagonista di questa esperienza,
Che alla fine ha fortificato la mia resilienza.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.