Anarchico ti professi,
nel deserto metropolitano.
Orecchino sul naso,
capelli non piu' veri
e un tatuaggio sul petto:
mini quadro allusivo
di un occupante abusivo.
Loquela rabbiosa e fluente;
rifiuti il dialogo
con chi ha promesso
senza mantenere niente.
Le leggi dello Stato
relegate nell'immondizia:
turpiloquio sfoderi,
senza freni
con grave dovizia.
I tuoi strali truculenti
non risparmiano
una societa'
chiamata Chiesa
Per tanti perbenisti
tacciato sei di immoralita'
e malvivenza.
Ti chiamano teppista,
perche' non ti declami idealista.
Cattivo,forse,
ma anche vittima:
di una famiglia,
che non ti ha mai parlato
e ti ha sopportato;
di un lavoro dignitoso,
tanto cercato con affanno,
ma da altri accaparrato
con inganno;
di chi si professa cristiano,
ma si guarda bene
dal tenderti la mano.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fedel Franco Quasimodo  

Questo autore ha pubblicato 226 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Angelo Blu
# Angelo Blu 05-09-2013 18:38
amara e veritiera...pia ciuta.... un saluto

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.