Una domenica mattina
 

Testa mento, spalla collo

Sul letto sembro proprio un pollo

Tra le onde della tv a mollo

dormo in pace sul mio atollo

Poi ad un tratto canta il gallo

Io mi sveglio, sul più bello

sognavo di avere un gran castello

Un bastone ed un mantello

Poi già suona il campanello

Mi alzo inciampo nell’ombrello

E alla finestra rispondo all’appello

Di carità di un poverello

Dice di non avere né questo, nè quello

Ma ha un diamante per anello

mi chiama di continuo "fratello"

ma io lo guardo e non favello

Torno a letto e prego al dio Apollo

Gli dico che della notte non sono satollo

Ma lui irrompe con il carro e il cavallo

E mi dice su in piedi…ma io ho ancora sonno.

 

 

 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: tempo di poesia  

Questo autore ha pubblicato 193 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

amilcare stunf
# amilcare stunf 24-11-2013 21:17
allitterazioni ritmate abbastanza piacewoli
nabrunindu
# nabrunindu 26-11-2013 18:17
simpatica e bella!!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.