Che to` da di 
commare mia

 La realtà
un di supererà la fantasia
Credevo..
me spaventassi davanti alla tv
seduto 
bello bello, li sur divano,
co na biretta n'mano
e frotte de non morti li drento
ar teleschermo.

Ma basta no starnuto
n' po` de febbre,che
t'arinchiudi ,
guanti e mascherina
e GUAI a chi s'avvicina .
Ce tocca sta
rinchiusi dentro casa
A Ni` n'se  po più usci
nemmanco pe fa  spesa
a pora nonna.

Sto virus disgraziato e impertinente
Arivato quatto quatto dall'oriente
ce vole spaventà
e quasi quasi,
un po' ce s'avvicina
Ma brutto zozzo vedrai che manca poco
e finirai strozzato ,
tra sapone
arcol e glicerina
da un giorno a n'artro
la morte tua gia s'avvicina
Perché domani,
brutto disgraziato..
te toccherà ciuccia la medicina.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Marina Lolli  

Questo autore ha pubblicato 105 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Davide Bergamin
+1 # Davide Bergamin 14-03-2020 00:14
Standing ovation!!! Bellissima e direi Trilussiana!!! Adorata!
Simone
+2 # Simone 14-03-2020 05:26
Piaciuta anche a me
dissacrante e vera ...
ma Roma non morirà adesso è solo un po' addormentata ...un saluto Marina
sasha
+1 # sasha 15-03-2020 14:32
Daje Roma...
aò, però te devo dà lezzioni de romanesco! mo... appena passa 'r carognavirus... se damo da fà!
CIAO CIAO :lol:
Marina Lolli
+2 # Marina Lolli 15-03-2020 17:13
Ehh si lo so è stato un tutt'uno scriverla e postarla,la devo sistemare,già dalla prima frase.Mi urgeva buttarla fuori,però se ti và puoi correggerla ;-)
Marina Lolli
+1 # Marina Lolli 17-03-2020 15:00
Sashaaa,control li pe piacere jo` dato n'aggiustata... ,me pare. :P
sasha
# sasha 17-03-2020 22:13
Che te devo da dì
comare mia

La realtà
un dì supererà ‘a fantasia
Credevo…
me spaventassi davanti a la tv
seduto
bello bello, sur divano
co’ ‘na biretta ‘n mano
e frotte de non morti lì derentro
ar teleschermo

Ma bbasta ‘no starnuto
‘n po’ de febbre, che
[…]
e guai a chi te s’avvicina
[…]
A Nì ‘n se po…
[…]

Già e ciuccià te sei scordata l’accento
Li pezzi parentati vanno bbene
In pratica devi sta attenta ai troncamenti… e a mette er segnetto ar posto giusto; tipo quanno scrivi
‘n … ‘na …‘r …
Comprate quarche libbro de Trilussa e leggi… Poi, devi da sapè che ce stanno più verzioni de romanesco… per esempio ‘r Belli è già diverzo dar Trilussa… ecc ecc
Marina Lolli
+1 # Marina Lolli 17-03-2020 23:23
Mille mille grazie sei super gentile,se vede che nun so abbituata a scrive in romanesco che poi cor cellulare tanti segnetti nun so manco do trovalli,però me impegno a legge er Belli ,Trilussa, Fabrizzi e Pascarella.. :lol: ;-) un grande abbraccio e a presto.
Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 17-03-2020 09:22
Speriamo di sconfiggerlo, mi piace da morire il testo ma anche il Romanesco, grande bravissima.
Marina Lolli
# Marina Lolli 17-03-2020 16:38
Carissima Silvana ,ti ringrazio per aver voluto leggere questa poesia,non è mia abitudine scrivere in romanesco,(ho provato solo per un racconto, "Festa col morto"),questa poesia l'ho scritta di getto col proposito di correggerla, cosa che ho fatto poco fa.
Sono comunque davvero felici che tu l'abbia apprezzata,ti abbraccio e dai che ce la faremo :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.