Oh madre coraggiosa,
                                                                    faro nelle intemperie,

                                                                    contemplo il volto tuo scarno
                                                                    ed una carezza scompiglia
                                                                    la bianca tua chioma.

                                                                    Ricordi lontani riaffiorano..

                                                                    Solerte,di buon mattino,
                                                                    una scia zuccherina
                                                                    saliva nella stanza imbandita;

                                                                    e l'odore del latte
                                                                     nella gelida stanza
                                                                    si diffondeva.

                                                                    Profumo di sposa novella!

                                                                    Le giovani mani
                                                                   a rinnovare di bianco candore
                                                                    frammenti di quotidiana vita;

                                                                   il canto tuo melodioso
                                                                   la fanciullesca inquietudine placava
                                                                   e ogni dubbio svaniva nell'abbraccio materno.

                                                                  All'imbrunire,
                                                                   una preghiera
                                                                  all'Infinito Amore;

                                                                   e noi,fanciulli,
                                                                  attendevamo trepidanti,
                                                                  la tua benedizione,

                                                                  oh madre mia!                     

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Annamaria Latini  

Questo autore ha pubblicato 57 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.