Nei posti dove non arriva la luce,
fa freddo
un freddo interno,
profondo.
Nel buio non si vede
la strada,
solo una distesa informe
senza riferimento alcuno.
La speranza
di uscire
dal nulla assoluto
non é contemplata.
Ristagna l'inerzia
nella rassegnazione
di una condizione falsamente
subita,
non c'é interesse
nel cambiare prospettiva.
Dall'esterno sollecitazioni
a reagire da questa
condizione di chiusura alla vita.
Appelli caduti nel grande pozzo nero,
che assorbe energie e capacità di ragionare.
Bloccando esistenze
votate al disagio 
che nasce dentro loro stessi.
Ritrovare la luce
é un faticoso viaggio
interiore,
che deve essere intrapreso
sforzando la propria volontà assopita
 ad aggrapparsi
ad una mano tesa
da coloro
che hanno la capacità
di far riemergere dalle tenebre.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Michelina*   Sostenitrice del Club Poetico dal 10-03-2020

Questo autore ha pubblicato 191 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.