Che sia testone è cosa risaputa,
nun ce sta gnente che l’idea me muta
e la difenno in ogni occasione
sinnò me pare d’essere ‘n ciartrone.
Come n’insetto me ronza ‘n testa,
cor tempo piano piano se rafforza,
la mi ragione inevitabilmente infesta
e se nasconne sotto dura scorza.
Così successe quanno me ‘nnammorai
Je dissi “Nun te lasso mai”
e pe tenè fede a la promessa
feci rinunzia anche a ‘na contessa !
Quanno che feci er sordato, militare
inevitabilmente dovea marciare !
Je dissi “aho, che d’è sta gran menata”
me fecero fa er caporale de gionata.
Però cerco sempre de capì
perché m’ostino, è giusto o so un po’ così ?
Se po’ difenne la propria idea
come se fosse l’urtima tua dea ?
Si è così, cagnateme ve prego
c’a mijoramme io nun me rinnego.
Mò che ce sto a pensà…senza pretese…
sono ‘n testone perché…so calabrese !
Che sia testone è cosa risaputa,
nun ce sta gnente che l’idea me muta
e la difenno in ogni occasione
sinnò me pare d’essere ‘n ciartrone.
Come n’insetto me ronza ‘n testa,
cor tempo piano piano se rafforza,
la mi ragione inevitabilmente infesta
e se nasconne sotto dura scorza.
Così successe quanno me ‘nnammorai
Je dissi “Nun te lasso mai”
e pe tenè fede a la promessa
feci rinunzia anche a ‘na contessa !
Quanno che feci er sordato, militare
inevitabilmente dovea marciare !
Je dissi “aho, che d’è sta gran menata”
me fecero fa er caporale de gionata.
Però cerco sempre de capì
perché m’ostino, è giusto o so un po’ così ?
Se po’ difenne la propria idea
come se fosse l’urtima tua dea ?
Si è così, cagnateme ve prego
c’a mijoramme io nun me rinnego.
Mò che ce sto a pensà…senza pretese…
sono ‘n testone perché…so calabrese !
Che sia testone è cosa risaputa,
nun ce sta gnente che l’idea me muta
e la difenno in ogni occasione
sinnò me pare d’essere ‘n ciartrone.
Come n’insetto me ronza ‘n testa,
cor tempo piano piano se rafforza,
la mi ragione inevitabilmente infesta
e se nasconne sotto dura scorza.
Così successe quanno me ‘nnammorai
Je dissi “Nun te lasso mai”
e pe tenè fede a la promessa
feci rinunzia anche a ‘na contessa !
Quanno che feci er sordato, militare
inevitabilmente dovea marciare !
Je dissi “aho, che d’è sta gran menata”
me fecero fa er caporale de gionata.
Però cerco sempre de capì
perché m’ostino, è giusto o so un po’ così ?
Se po’ difenne la propria idea
come se fosse l’urtima tua dea ?
Si è così, cagnateme ve prego
c’a mijoramme io nun me rinnego.
Mò che ce sto a pensà…senza pretese…
sono ‘n testone perché…so calabrese !

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Bronson  

Questo autore ha pubblicato 295 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.