Nell'oscurità dei giorni

ci sentimmo perduti,

versammo lacrime

regalandole alla terra.

In dono ci rese

cristalli di speranza,

trepidanti

di mostrarsi al mondo.

Rilucevano nel timore

di non essere osservati

o compresi

in un tempo oltraggiato

nella sacralità dell'esistenza.

Nei giorni senza pioggia

nei sentieri delle altalene

timorosi di cadere

s'aggrapparono a un filo

appeso al cielo,

Ebbero la certezza

d'aver compreso...

In ogni fine

avrebbero trovato l'inizio.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: genoveffa frau  

Questo autore ha pubblicato 110 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 26-02-2020 08:33
Bellissima poesia, dopo la fine...il nuovo inizio la rinascita, complimenti.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.