Nella sera di cannella e zafferano
uscivamo, mano nella mano
prestando il fianco ad ironie di ogni sorta
tu, pallido cavaliere,
io, che mi sentivo morta
vinta, dalla stanchezza
tu, con fermezza, mi prendevi per la cavezza
e pieno di premura  di amorosi pensieri
mi portavi come un gioiello
a spasso per i sentieri
quei sentieri che solo l'anima conosce
e che poi, nuda tra le tue cosce
facea d'amor strano sentier battuto
tra le onde fragorose del mio rider di velluto.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Laura Bocci  

Questo autore ha pubblicato 24 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.