Al capolinea  infine sono giunto
ma il diavolo la pentola scoperchia.

Credevo d'aver alla vita messo un punto
e mi ritrovo nella solita vecchia cerchia
a discutere ancora di pesi e di bilance.

E tu tremante con una vecchia coperta
con pudore la tiri fin sopra le guance
nascondendo una triste ansia sofferta

Non pensavo di ritrovarti nel mio cammino
ti lasciai tempo addietro nella tua dimora
non scorderò mai quel triste mattino

Mi par di riviverlo soffrendo ancora.
Ti sorpresi col tuo amante mentre albeggiava  
abbracciata e sorridente innanzi al camino.

Pensai d'aver preso un incredibile abbaglio
la mente ancora accelera pensieri e viaggia
cercando un appiglio a quel terribile sbaglio.

M'arrampicai sulle travi in legno come un gatto
poi corsi a gran velocità sulla spiaggia
a seppellire quell'inaspettato ritratto.

Ora ti ritrovo innanzi allo sguardo mio
col viso e il corpo  ancora giovane e intatto
mentre io barcollo da vecchio balordo rifatto.

Tu mi sorridi dicendo
“Chiedo venia”.
E rispolveri un antico motto,
non ti rendi conto di quanto vale
finché non incontri un galeotto”.

Genoveffa Frauopere©2021
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: genoveffa frau  

Questo autore ha pubblicato 351 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.