Quand’é che tornerà la bella estate?
Il blu sta ormai precipitando
sul giallo ocra dell’autunno intorno.
Appena giù, l’eremo lo inghiottirà
e lo confonderà tra le speranze
che su di lui avevo mal riposto.

Intanto mi circondano i fantasmi,
bautte nere che s’aggrapperanno
per essere trainate fino al limbo.
Mi chiedo dov'è finita la gente,
quali parole è ora ad ascoltare
così diverse da codesto canto.

Mi faccio un po’ di buona compagnia
guardando una locomotiva vecchia,
portando al naso una rosa finta.
Bramerei sorridere alla vita,
donarle il gusto che le ho sottratto
ma... vedo marciare solitudini.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 309 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.