I poeti sono dei pazzi
intendo  quei poeti che girano indisturbati
nella rete e nei siti specializzati
dove si  aprono anima e cuore
e in cambio ricevono falso stupore.
I poeti sono dei pazzi
vedono quello che io non riesco a vedere
il bello è che mi sforzo
ma niente,  davanti a me c’è solo il buio.
I poeti sono dei pazzi
pensano in versi  e parlano strano
appena aprono gli occhi scrivono e scrivono
scrivono sempre
parole prestate, parole inventate
parole senza nessun fine o intenzione.
I poeti sono dei pazzi
leggendoli  a volte sembrano fatti
e quando cerco di seguire le loro parabole
mi ritrovo impigliato nell’iperbole
tra l’illusione e una realtà disarmante.
I poeti sono de pazzi
ed io sono un indegno lettore
a dire il vero anch’io qualche volta sono stato poeta
e calamitato dal niente
mi drogavo di riflessi di luna
sniffavo gli odori come un cane sbandato
mi arrampicavo nel cielo
cercando risposte al mio desiderio.
Per fortuna il delirio è durato ben poco
e sono rientrato in questo corpo di sangue e di mente
uso parole per raccontare alla gente
quello che vedo con occhi prestati.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Demetrio Amaddeo*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-11-2020

Questo autore ha pubblicato 273 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

nabrunindu
+3 # nabrunindu 04-11-2014 22:05
mi trovi pienamente d'accordo. bravo!
Antonia Vono
+3 # Antonia Vono 04-11-2014 22:47
Scrivono sentimenti dimenticati ..e vanno in giro nudi , hai ragione sono pazzi , non hanno paura del freddo e di chi si sofferma a guardarli .
Ma gli occhi prestati , sono prestati dalla poesia ?
Bellissima introspezione Demetrio , cruda e vera ,come lo sono sempre le tue poesie .
Arcangelo Galante
# Arcangelo Galante 28-12-2015 20:51
Eh sì, caro Demetrio, il mondo è un po' pazzo e tutti i poeti lo sono, in situazioni peculiari. Meglio non impazzire del tutto e lasciarsi andare, coi propri sentimenti e le proprie emozioni, tentando di sopravvivere ad un qualcosa che veramente non ci appartiene, al di là della realtà nella quale ci si può trovare immersi, senza l'uso della ragione. Ma questo è solo un mio modesto parere. Poesia molto profonda e veritiera!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.