Non vedo più l’argine
tutto si chiude
in una cartoccio trascinato dal vento
sigillato è il senso della vita stanca e
sfinita prima della chiusura.
 
Ho lette queste parole
nei pensieri scritti su…
su fogli senza impronta
appunti appesi, vaganti
nel vuoto di chi si sente perso.
 
Frasi senza virilità
in un giorno scolorito dal buio,
senza successo
e senza plauso alcuno.
 
Ora cerco ruscelli d’acqua fresca
e l’ essenza della vita
con la potenza dell’oltrepassare
barriere di una chiusa.
 

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: elvio angeletti  

Questo autore ha pubblicato 227 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Demetrio Amaddeo
+1 # Demetrio Amaddeo 09-01-2014 20:42
bella...sia nel linguaggio e sia nel contenuto...mi piace come pur nell'oscurament o totale... riesci a essere ottimista...riu nire le forze per oltrepassare la barriera!
ottima!
amilcare stunf
+1 # amilcare stunf 09-01-2014 22:25
Questa non mi è molto piaciuta, non trovo corrispondenza tra le metafore "acquatiche" e non c'è dialogo tra "l'argine" e le "barriere". Le prime due strofe danno un bel senso di indeterminazion e, quasi di dispersa libertà, mentre le ultime due ergono inesistenti barriere mentali che è inutile oltrepassare perchè l'hai già mentalmente fatto.
nabrunindu
# nabrunindu 10-01-2014 19:26
piaciuta, bravo elvio

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.