Foreste cristallizzate,
intrappolate in bianchi silenzi
nella urla del vento,
 lacerano rami spogli rivolti al cielo.

Occhi di lupa
si specchiano nella luna,
a spiare l’ombra dell’uomo che la mira,
con passi inghiottiti dalla neve, la segue.

Così comincia la danza,
senza musica.
Solo orme e dubbio,
solo agguati e attese si inseguono
in poco cielo, in poco corso.

Nello scontro finale,
istinto e ragione
ragione e istinto
catturano l’attimo, l’eternità
nello sguardo della lupa e dell’uomo.

Identico colore l’investe ora.

D’argento è la luce della luna.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: elisa  

Questo autore ha pubblicato 141 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

nabrunindu
+1 # nabrunindu 14-11-2015 19:09
molto bella, sei bravissima! :-)
Gigggi
+1 # Gigggi 15-11-2015 08:27
Ma argento non più vivo...Praticam ente arrugginito!
Rocco Michele LETTINI
+1 # Rocco Michele LETTINI 15-11-2015 11:33
PROFONDA... NEL SUO DILIGENTE ET ESPRESSIVO FORGIATO. SERENA DOMENICA ELISA.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.