L’aure de gli antichi fasti

e la fama, ch’ai divini occhi e alle genti,

prole di Zeus, i Dioscuri, presso la Sagra 

per la sorella Persefone pugnando,

ti diedero, su questi dolci clivi, 

ch’infiora il gelsomino e odora,

ove giacciono, de la storia silenti custodi,

sacre querce e sacri ulivi,

e su queste dolci rive,

che l’acque turchesi involve

onde il ciottolo con l’onda canta,

il tempo ancor decanta,

non la mia gioventù,

che qui crebbe e si perse;

eppur tornando, l’acque terse

e fredde della fiumara mi sussurrano,

e la campagna odorata,

e la stradina sterrata, 

che in bici risalivo contro il vento,

e lo Jonio, così quel che fu un poco sento,

come ora che la bella età mi sovviene

da lontano, qui a Milano,

su le note del Paradisi,

e mentre il ricordo mi strugge

pur questa vita, che fugge

e mai si rivela, pur ne la sua presenza,

se non forse nell’ora dell’oblio, 

io lacrimo e lacrimo tra lievi sorrisi.






1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Pietro Luciano  

Questo autore ha pubblicato 53 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Sir Morris*
+1 # Sir Morris* 23-04-2016 20:52
M'inchino alla tua eleganza, amico Pietro.. congratulandomi per la tua, mia gradita, perseveranza!
Versi che mi danno forza.. integrando quel fondamentale portale che unisce noi a quel tempo e che mai avrà fine in noi!
Straordinaria poetica! Un abbraccio fraterno e sincero! ;-)
Hera
+1 # Hera 23-04-2016 22:06
sono daccordo con Sir...ha già detto tutto, io sono senza fiato per quelle lacrime tra lievi sorrisi........ .......Eleganza e dolcezza straordinarie!! Sei autentica poesia......... .........un caro saluto.Hera
nicoletta
+2 # nicoletta 23-04-2016 22:25
Con garbo e dolcezza , levità ed eleganza porti il pensiero al tempo andato che ora ritorna con lieve nostalgia e profondo sentire...
Splendida poesia che dipinge paesaggi reali e della anima tua bella...
Pietro Luciano
+2 # Pietro Luciano 24-04-2016 14:44
Grazie cari amici tutti. Vi voglio bene
Arcangelo Galante
+1 # Arcangelo Galante 25-04-2016 18:32
Bellissima poesia nostalgica, alla ricerca di splendori antichi che, forse, ahimè, mai più torneranno, a causa dello scarso apprezzamento umano. Però, impressi resteranno in quanti t'hanno letto e sono vicini alle tue considerazioni, come un approdo. Componimento piaciuto!
Pietro Luciano
+2 # Pietro Luciano 25-04-2016 19:07
Grazie Arcangelo caro.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.