Cercherò quel tracciato di futuro
narrato nelle fiabe della sera
da una deliziosa voce amica,
anzi di madre.

Ricordo del sentier fiori di pesco
il lento rosseggiar di melograni,
roseti uno dopo l’altro accesi
e le luci, chissà di quale sole,
trapassare i cuor di verdi foglie.

Poi è stato un po’ tutto diverso.

A modo suo generoso,
il fato,
anzi il caso,
ha spinto a farmi dire
sono vivo, anzi respiro,
nel vicolo che l’alba non conosce
tra incolori sassi e fiori finti.

Cercherò,
anzi troverò
quel tracciato di futuro.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 327 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

poesie profonde*
+1 # poesie profonde* 27-02-2019 20:44
Una poesia molto elegante e sentita. Lo troverai sicuramente. Un saluto caro
Michelina*
+1 # Michelina* 27-02-2019 21:34
Bei ricordi e buoni propositi, bella.
Marinella Brandinali
+1 # Marinella Brandinali 28-02-2019 14:25
Come una ninna nanna fluida e dolce ... complimenti Aurelio un caro saluto
Passione infinita
+1 # Passione infinita 28-02-2019 14:28
Intensa e con buoni propositi.
Un saluto

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.