Mi ero riproposto di telefonarle per chiederle scusa.  Da due settimane avevo chiuso con lei.
 Due settimane consegnate al silenzio che avevo architettato per una insana voglia di vendetta. Lei aveva avuto alla fine, dopo reiterati sospetti, la certezza che fossi di un’altra e aveva mostrato la sua rabbia con un’indescrivibile scenata di gelosia.  Non potei discolparmi per dirle ch’era stato solo un gioco. Glielo avevo fatto credere per spezzare la monotonia del nostro rapporto: scarse amicizie, difficoltà a parlare di noi, necessità di curare egoisticamente i propri interessi, serate silenziose sul divano a seguire film scialbi. E rare occasioni per fare l’amore. Lei era metodica e programmava “ l’amore” solo nei giorni della settimana in cui non andava in palestra. Mai effusioni improvvise secondo il mio desiderio… solo ordine e compostezza anche nel fare l’amore.  In quei momenti mi ricordava la moglie del principe Tomasi di Lampedusa , descritta dall’autore ne “ Il Gattopardo”. Una donna ossessionata dalla paura dell’atto coniugale, tanto che il principe suo marito non le aveva mai visto l’ombelico…
Quella sera sul divano, prima di addormentarmi, mi ero convinto che pensavo ad un’altra donna.
C’era una lei che mi piaceva, un desiderio nato al mattino d’impulso come quando decidi di alzarti per andare in bagno e soddisfarti. Potevo dare una scossa alla mia vita, certo potevo farlo per sentirmi vivo. Lei la ritrovavo quasi ogni volta che uscivo di casa. Scendeva  o saliva le scale con studiata lentezza, come se volesse impedirmi di scansarla. Leggevo ogni suo pensiero nel movimento sussultorio delle natiche, era un invito a seguire i suoi passi per incollarmi alla sua schiena.  All’ultimo gradino si voltava e mi sorrideva mostrando il candore dei denti perfetti.  I suoi silenzi erano eloquenti come un’ orazione pro suo corpore.. .L’altra, quella con cui avevo chiuso, non l’avevo mai desiderata con la stessa intensità.
Avevo sollevato la cornetta del telefono, deciso a chiedere perdono… Qualcuno aveva suonato alla porta. Era la ragazza delle scale, pronta a perorare.

 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 137 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

neveamarzo
+1 # neveamarzo 23-12-2019 13:25
Ma guarda, proprio quando si era deciso ad aggrapparsi ad un barlume di sincerità, il caso gli offre un'occasione migliore.
Un racconto realistico e moderno a descrivere rapporti che si sfilacciano nell'ordinaria noncuranza dei sentimenti propri e
altrui. Li definirei gli ignavi del terzo millennio.
Libero
+2 # Libero 23-12-2019 13:41
Realistico davvero perché riflette i sentimenti e i comportamenti di oggi." Sfilacciati" ma non troppo, se lui coglie l'occasione per accettare le attenzioni di lei. In verità l'occasione fa l'uomo ladro e, se il rapporto precedente si era incrinato, allora meglio intavolare un new love senza prenderlo troppo sul serio... Ignavo? Più che indolente, furbastro, non credi? Naturalmente io sono arbiter al di sopra delle parti.
Grazie per il commento ampio ed esaustivo!
neveamarzo
+1 # neveamarzo 23-12-2019 14:21
Un bravo scrittore non solo è sopra le parti, ma mette del suo senza far capire dove... a volte è un particolare, un colore, un'immagine,
una sensazione...e tu ci riesci soprattutto in queste narrazioni brevi ed efficaci. :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.