Primavera è un dono inquieto
un ricordo che riaffiora
un olezzo del passato.

Un plagio d'altra stagione
se i colori sono falsi
se le gemme sono chiuse.

Primavera è un dono fragile
una sosta ch'è incerta
un'euforia ancor sognante.

L'amore diligente in volo resta
già ascolto la natura non presta.

Primavera dorme ancora
un sorso del tempo in gola
una scia di silenzi che non fora. 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 140 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.