Tremendo...non ho pace

non s'arresta il dubbio

che il tuo corpo più non c'è

m'ero alzato già convinto

di vederti sotto le coperte

di doverti accarezzare

con un bacio o con la mano

poi l'odore  negro del caffè

quello che piace solo a te

una tazza nera e fonda

come nei film americani

            ...

leggo un lungo memoriale

di lista abnorme della spesa

quella che mi rattrista, sai,

perché di soldi non ce n'è 

           ...

Tremendo...sto tremando

al pensiero che non sei con me

che il tuo corpo più non c'è

che il caffè s'è raffreddato

una spazzola è un ricordo

ai tuoi lamenti son più sordo

quando sbattesti la porta

evitasti di svegliarmi

o ero sveglio speranzoso

di non essere più un coso

libero d'esser solo a colazione

levando al cielo un'orazione.

Sto tremando d'un' insana gioia

che la vita, evvai, mi son ripreso

che non era un brutto sogno

quando m'accorsi palpitante

ch'eri supina tra le piante.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 138 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Ibla*
# Ibla* 22-01-2021 13:14
Macabramente divertente, proprio come nei film americani.
Bravo!
Un saluto da Ibla.
Libero
# Libero 31-01-2021 09:05
Grazie, Ibla. Veramente entusiasta!
L. :lol:

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.