La situazione sembra migliorata, anche se grava in casa una cappa di sfiducia e di inquietudine. Tre giorni prima di Natale Elena riceve una telefonata anonima che la informa del tradimento del marito con una donna sposata. Le viene fornito l’indirizzo e le sono precisati il giorno e l’ora dell’appuntamento clandestino. La comunicazione viene interrotta in fretta, senza che lei possa replicare. Si sente a pezzi e piange amaramente. Suo marito la tradisce! E poi strepita per limitare le spese di casa! Chissà quali regali farà all’amante! A lei ha regalato lo scorso Natale un anellino d’argento con un minuscolo cuore d’oro.
Architetta la vendetta e non dice nulla ai figli per non avvilirli. Amano e stimano molto il padre che considerano una persona responsabile da prendere a modello. Cerca di apparire serena, senza far trasparire il tormento interiore, e bacia come al solito Sergio che sta per uscire dopo pranzo per recarsi ad una riunione di lavoro con gli architetti del suo studio. Elena, dopo circa mezzora, raggiunge il luogo dell’appuntamento e del tradimento. Sa di trovare il marito a letto con quella donna. E’ furiosa! Il portone del palazzo è socchiuso, così entra nell’atrio e sale con l’ascensore al secondo piano. Si fa coraggio, anche se trema per la forte emozione e suona al campanello della porta su cui spicca lustra la targhetta in ottone col cognome “ Semboni”. Sente del trambusto, ma dopo un po’ apre la porta proprio lui, Sergio. Indossa la giacca di un pigiama di seta blu e un paio di boxer a cuoricini rossi e bianchi. Porta i calzini ai piedi! Elena prova ribrezzo e, approfittando dello sguardo sorpreso del marito, gli appioppa due ceffoni, mentre urla e gli rinfaccia il tradimento. Sergio non ha il coraggio di rispondere, preso alla sprovvista, e riesce a chiudere la porta per difendersi da quella furia. Elena picchia sul duro legno e continua a suonare al campanello, mentre gli inquilini del piano si affacciano curiosi e sgomenti. Poi , soddisfatta del risultato, scende trionfante la scala e se ne va.
A cena sembra tutto normale, ma gli sguardi di Elena e Sergio sono taglienti come lame di coltello. I figli avvertono una pesante tensione e scrutano i genitori, ma non si arrischiano a fare domande. Il silenzio è rotto soltanto dal rumore prodotto dalle posate nei piatti.
in camera da letto Elena intima con tono deciso a Sergio di interrompere quella relazione, altrimenti lo lascerà. Non vuole distruggere la vita dei figli, parlando loro di separazione legale, e spera che lui si ravveda. Sergio rimane in silenzio, quasi indifferente alle suppliche della moglie, ma poi le dice che ama quella donna e non vuole lasciarla. Elena trasale. Ha però il coraggio della moglie tradita e offesa. Lo minaccia di rivelare tutto ai suoi collaboratori di lavoro e di svergognarlo con i figli e con i genitori di lui. Sergio non risponde e va in bagno a fare la doccia. E’ nervoso, ma vuole rimanere calmo. L’acqua calda lo rilassa, mentre si insapona. Elena entra in bagno e lo costringe ad uscire dalla doccia, minacciandolo con un tagliacarte appuntito. Sorpreso e imbarazzato perché è nudo, le dice di calmarsi e la asseconda, indietreggiando in camera da letto. Le gocce d’acqua cadono sulla moquette, imprimendo piccole macchie cupe che affiorano in superficie. Sergio si guarda intorno e vorrebbe il suo accappatoio, ma Elena gli ordina di uscire sul balcone. Lui protesta e cerca di farla ragionare, ma non c’è verso di calmarla. Nudo, gocciolante e infreddolito esce, mentre la porta finestra si richiude alle spalle con un tonfo sordo.
il giorno di Natale tutti sono riuniti attorno all’albero, intenti a scartare i regali. Si avverte una serena atmosfera rallegrata dai sorrisi e dalle grida di sorpresa nello scoprire i doni. Sergio è raffreddato ma sorridente. Elena lo loda davanti ai figli, ai suoceri e a sua madre perché ha voluto essere generoso nell’acquisto di quei regali così costosi. Lei indossa un collier d’oro e brillanti che spicca luminoso sulla sua pelle chiara. Anche sua madre, nonna Eufemia, l’odiata suocera di Sergio, ha ricevuto un abbraccio caloroso da parte del genero che le ha regalato una sciarpa di chachemire firmata “Missoni”. Sergio tossisce confuso e rosso in volto. Pensa raggiante ai soldoni spesi e all’amante persa. 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 138 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Giò*
# Giò* 12-12-2020 17:50
Carambola!!!... . :D :D :D
Libero
# Libero 13-12-2020 12:09
Buona domenica, Giò.
Grazie per aver letto la seconda parte del racconto, ma ti invito a leggere la prima parte.
L. :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.