Le poche persone si fecero il segno della croce prima di uscire dalla chiesa alla luce del sole. Rimasero abbagliate e si schermirono il viso con la mano alla fronte. Una signora aprì l'ombrellino nero ma vezzoso nel tulle sul bordo e si avviò dietro il feretro di legno scadente.
Alcune donne seguirono le strade a raggiera della piazzetta e scomparvero risucchiate dall'ombra dei vicoli. Il parroco si accorse che i fedeli erano quasi scomparsi, tranne la signora in gramaglie che seguiva sui tacchi alti la povera salma. Dietro di lei due vecchine che, sgranando il rosario, tessevano le lodi della defunta. La signora in nero non credeva alle sue orecchie dai cui lobi pendevano orecchini di scadente bigiotteria. Percepiva offese e insulti rivolti alla defunta che in vita era stata conosciuta come Mariannettalasanta perché a lei si rivolgevano uomini celibi e sposati per ricevere la sua benedizione e assoluzione dopo aver *** di brutto con lei. La signora in gramaglie asciugò una debole lacrima, non potendo evitare tuttavia di prendere una storta coi suoi tacchi alti e di cadere sulle ginocchia. Le vecchine si fermarono e mostrarono di essere sdentate, mentre ridevano a crepapelle. Un riso liberatorio che stavano trattenendo da tempo...Sì, perché sapevano che quella donna era la nipote della Santa...una buonadonna ,caritatevole come la zia...
Nessuno l'aiutò a rialzarsi, ma alla fine si accorse dell'accaduto don Valerio che ebbe modo di vedere le *** della donna che implorava soccorso. Fece fatica a sorreggerla perché era ben formosa e con curve che neanche al Gran Premio di Monza ce n'erano di tal fatta...
La poveretta sanguinante e con le calze strappate cercava di ricomporsi la gonna a pieghe, non riuscendo del tutto a celare la sua bassa *** agli avidi sguardi dei maschi accorsi alle grida . Il parroco allora iniziò a benedire le mani predone, tirando sberle e pedate. Una delle vecchine si accostò sfacciata a don Valerio e gli disse con una stridula vocetta che quella era la Nannona di Trastevere, una buonadonna da marciapiede.
Alcuni ragazzini si misero a cantare uno stornello" Ma che ce fregaaa, ma che ce importaaa, uno la piglia l'altro la ***...la madre, la nipote come la figliaaaa!
Le vecchine ballavano e gli uomini applaudivano. Non era proprio un funerale!
Allora fu così che il carro funebre proseguì verso il cimitero senza il parroco e gl'infedeli presenti.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 122 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.