C’è una prospettiva diversa
da dentro
le pareti silenziose e grigie
non hanno rumore
i letti bianchi in fila
hanno stanze di
cuori irrequieti.

L’ odore alcolico dei medicinali
segue quello degli infermieri e dei medici
tra i corridoi .


Come angeli senza ali
irrompono mura d’incertezza o di certezza .

Di certo è che
la vita e la morte qui
s’incontrano e si scontrano
spesso.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 823 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Kate
+1 # Kate 27-10-2020 13:17
Bella e molto comunicativa. In particolare la prima e la terza strofa. Sei anche tu un medico?
Caterina Morabito*
+1 # Caterina Morabito* 27-10-2020 16:56
No Kate, paziente per un giorno .
Il tempo di osservare .
Kate
# Kate 27-10-2020 19:20
Uh, dispiace...
Michelina*
# Michelina* 28-10-2020 16:22
Vero ma la speranza è che prima o poi tutto torni normale meno frenetico, sensibile.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.